Associazione Casa della Resistenza

Parco della Memoria e della Pace

 

1947-1948 / 2017-2018
Filosofia, storia, passione civile

Le radici ideali della Costituzione Repubblicana tra diverse tradizioni politiche e prospettive per il futuro

 

Tra Filosofia e discorso pubblico

Alle radici del nostro essere “comunità” madri e padri fondatori dell’Italia repubblicana

Relatore:
Ermanno Bencivenga (Università di California Irvine)

A cura di:
Società Filosofica Italiana, sezione Verbano Cusio Ossola
Associazione Casa della Resistenza

 

Il 70° anniversario della Costituzione Repubblicana si apre in uno scenario nazionale e internazionale preoccupante. La democrazia vive una profonda crisi di legittimità, mentre riemergono nuove forme di autoritarismo, arroganti “sovranismi” e si diffondono spinte xenofobe e razziste di chiara matrice nazionalista e fascista.

Di fronte all’aggravarsi delle diseguaglianze sociali, all’esodo di milioni di profughi e ai prepotenti venti di guerra che soffiano sin dentro ai confini dell’Europa, servirebbero una razionale discussione pubblica e una rinnovata passione civile. Invece, il discorso pubblico si degrada e si isterilisce nelle “bolle telematiche” dei social network e la passione civile latita fra individualismo e scetticismo.

Anche coloro che sono animati da nobili sentimenti di solidarietà stentano a riconoscersi come “comunità” e si disperdono in mille battaglie settoriali, in una miriade di associazioni e movimenti, in azioni di volontariato settoriale – benché meritorio – che, pur mostrando la vitalità della società civile, non riescono a produrre un quadro unitario di azione. La società civile stenta a farsi “polis”, comunità politica riconosciuta.
Per riconoscersi come tale, una “comunità” ha bisogno di princìpi e fini comuni, ma l’eterno presente in cui siamo immersi divora insieme memoria storica e progetti per il futuro. Non sappiamo più fare tesoro del passato e di quel vasto patrimonio ideale, lasciatoci in eredità dalle diverse tradizioni culturali e politiche che hanno fondato la Repubblica italiana e il processo di integrazione europea. Riscoprire queste radici spirituali potrebbe, invece, offrirci spunti interessanti anche per il presente.

Il 70° anniversario della Costituzione ci sembra l’occasione più opportuna per rimettere in circolo le idee più vitali delle correnti di pensiero che animarono la battaglia antifascista e il dibattito costituente.  Si tratta di un patrimonio ideale – ignoto ai più e soprattutto alle giovani generazioni – per nulla monolitico e scontato, caratterizzato da molteplici tradizioni di pensiero e da una ricchezza di discussioni, esperienze e riflessioni, tra cui molte di straordinaria lungimiranza e attualità.

Da questo prezioso serbatoio di idee ed energie si trae anche l’insegnamento di un’azione condivisa tra uomini e donne che, benché schierati con intransigenza su opposti fronti ideali, seppero “fare comunità”, costruendo le fondamenta della convivenza democratica, attraverso un complesso e ricchissimo intreccio di principi e valori etici e  politici.

Tra il dicembre 2017 e l’aprile 2018 rifletteremo su questi temi, cercando di trasformare il 70° anniversario della Costituzione in un esercizio di memoria storica e in un laboratorio per il futuro.
Il primo incontro sarà dedicato a una riflessione filosofica su che cosa significa essere una “comunità” politica.  Relatore sarà Ermanno Bencivenga, professore di filosofia presso l’Università di California Irvine.

Logico di fama, Bencivenga ha dato importanti contributi alla filosofia del linguaggio, alla filosofia morale e alla storia della filosofia. La sua opera si rivolge anche ai non specialisti nella convinzione che sia necessario connettere la riflessione filosofica al discorso pubblico, come mostrano le sue recenti pubblicazioni Prendiamola con filosofia e  La scomparsa del pensiero. Nei volumi Oltre la tolleranza, Manifesto per un mondo senza lavoro e Parole che contano ha elaborato un’originale utopia politica. Per il grande pubblico ha scritto tra l’altro: La filosofia in ottantadue favole e Il bene e il bello: etica dell’immagine. È autore delle raccolte di racconti I delitti della logica, Case e Amori, di cinque raccolte di poesie (l’ultima è Le parole della notte) e delle tragedie Abramo e Annibale. Ha fondato e diretto per trent’anni (fino al 2011) la rivista internazionale di filosofia “Topoi”. Collabora all’inserto domenicale de “Il Sole-24 Ore”.

 

Data inaugurazione: 
Venerdì, Dicembre 15, 2017 - 16:30
Luogo inaugurazione: 
Casa della Resistenza, Verbania Fondotoce