Associazione Casa della Resistenza

Parco della Memoria e della Pace

 

Il rastrellamento della Val Grande si svolge tra l'11 e il 30 giugno 1944.

Il 1° luglio le truppe tedesche e i militari fascisti lasceranno il Verbano e l'Ossola.

Attaccano 4-5000 tedeschi e fascisti bene armati ed equipaggiati; si difendono 450-500 partigiani male armati, peggio equipaggiati e privi di viveri.

Per le formazioni partigiane e per la popolazione civile sono venti terribili giorni di spietata caccia all'uomo, fucilazioni, incendi e saccheggi.

"Nei primi giorni la lotta è accanita e più volte gli attaccanti segnano il passo, poi la superiorità numerica e d'armamento del nemico travolge anche le ultime resistenze organizzate in Val Grande, sul Cavallone, sul Vadà, sulla Marona, e la lotta si spezzetta in brevi scontri, in stracche sparatorie; infine i nemici dilagano. Ogni partigiano armato, disarmato, ferito, moribondo, dopo la cattura viene ucciso alla spicciolata o fucilato pubblicamente." (da Nino Chiovini, I giorni della semina)

Le operazioni in montagna di fatto terminano il 22 giugno con l'eccidio dell'alpe Casarolo in alta Val Grande dove muoiono nove partigiani e due alpigiani.

Poi le armi tacciono in Val Grande, ma continuano a sparare con le fucilazioni, nei paesi ai piedi dei monti, dei partigiani catturati.

Geolocation
Per offrirti una migliore esperienza, questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo INFO PRIVACY OK, accetto